Queste pagine sfruttano gli standard avanzati W3C, sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati W3C



Anno II - n°6 - 1.07.2003 Pagine Liguri

E’ morto Piero Turchetti, il regista genovese di Rischiatutto e Lascia o raddoppia

Aldo Franco De Rose - afdr@clicmedicina.it 

Piero Turchetti è morto la scorsa notte nell'ospedale di Urbino, regista di «Lascia o raddoppia», e «Rischiatutto». Con Turchetti, che era nato a Genova 79 anni fa, se ne va un pezzo di storia della televisione pubblica, dove aveva lavorato per quasi tutta la vita come regista di ruolo, fino alle pensione, tranne che per una brevissima pausa nella tv privata. Con Mike Bongiorno, era entrato nelle case degli italiani a partire da un sabato del 1955 firmando «Lascia o raddoppia», uno dei primi mitici successi della televisione italiana in bianco e nero. Lui poi aveva raddoppiato con un altro indimenticabile quiz «Rischiatutto», e aveva proseguito con i programmi di Mike finchè il re del quiz è rimasto in Rai. È stato poi il regista di «Italia sera», con Piero Badaloni, di «Arcobaleno» con Marta Flavi, ma anche di documentari di storia o sull'alluvione di Firenze. I funerali di Turchetti, che dopo la scomparsa della moglie viveva ormai in solitudine a Mercatello sul Matano vicino ad Urbino, si svolgeranno oggi proprio a Mercatello e Genova sembra proprio ignorarlo.