Genova Anno VII - n°42 - 26.11.2010 Pagine Liguri

del 03/12/2010

Ospedale S.Corona di pietra ligure: robot per il recupero funzionale di braccia e spalla


clicMedicina - redazione@clicmedicina.it

Giovedì 2 dicembre, alle ore 12.00, ufficialmente si inaugura il “Centro di Riabilitazione Robotizzata e Terapia occupazionale” dell’Ospedale S. Corona di Pietra Ligure”.
Allestito grazie ad un’ importante donazione di GF Group, il Centro si presta a diventare un punto di riferimento per la riabilitazione dell’arto superiore in Liguria, ma non solo.
Peculiarità della Struttura, operativa all’interno della S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale, diretta dal Dott. Giovanni Antonio Checchia è avvalersi di una dotazione strumentale all’avanguardia.
La S.C. Recupero e Rieducazione Funzionale del Santa Corona riveste da tempo un ruolo di eccellenza nel panorama riabilitativo ligure. La forte tradizione riabilitativa nel campo delle patologie neurologiche, soprattutto negli ictus; la presenza di un team interprofessionale di alto profilo (medici, fisioterapisti, personale infermieristico e di supporto); la dotazione di strumentazioni d’avanguardia nella valutazione dei disordini del movimento legati alle neuro lesioni (la SC RRF è dotata di un Laboratorio Clinico di Analisi del Movimento che è unico in tutto il ponente ligure); l’esistenza di percorsi assistenziali fortemente caratterizzati e condivisi per questi pazienti, rendono ragione di questa scelta profondamente innovativa, caratterizzata da un alto contenuto sia scientifico che manageriale.
Per la riabilitazione dell’arto superiore il Centro si avvarrà di alcuni dispositivi robotici, afferenti al sistema ARMEO THERAPY CONCEPT.
L’Armeo Therapy Concept aumenta l’efficienza del trattamento terapeutico in quanto gli esercizi sono iniziati, guidati e diretti dal paziente stesso, in modo funzionale e intensivo.
Anche pazienti con gravi lesioni possono esercitarsi indipendentemente, senza la presenza costante del terapista, consentendo di fare emergere tutto il potenziale di recupero.
L’Augmented Feedback fornito dalla piattaforma software condivisa, incoraggia e motiva I pazienti nel raggiungimento di un alto numero di ripetizioni e questo conduce a migliori e più rapidi risultati e aumenta l’outcome a lungo termine.
Il software fornisce automaticamente la possibilità di assestare le funzioni motorie del paziente e può registrare il progresso della riabilitazione, aiutandoli a prendere l’iniziativa e ad andare avanti nel lavoro di recupero.

Nel Centro, sempre con l’obiettivo di migliorare il recupero funzionale, soprattutto della mano, verrà impiegata la stimolazione elettrica funzionale (FES).
L’elettrostimolazione sembra favorire il recupero spontaneo poiché influisce sulla riorganizzazione neuronale spontanea.
Permettendo di fare esperienza del movimento altrimenti perduto, l’elettrostimolazione genera stimoli ripetuti che sembrano indurre la formazione di nuovi circuiti neuronali con ripristino almeno parziale del movimento.
La FES permette di massimizzare il recupero motorio attraverso l’uso attivo e ripetitivo dell’arto colpito.
Nell’emiplegico, la FES viene solitamente impiegata per restituire i movimenti di presa nella mano e, recentemente, come terapia per gli effetti positivi dimostrati nel processo di riorganizzazione del movimento.
L’utilizzo della FES/FET associata alla riabilitazione robotica garantisce i massimi risultati funzionali.
 

 

 






 
 
 
 

  



Queste pagine sfruttano standard di programmazione avanzata , sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati