Genova Anno VII - n°42 - 26.11.2010 Pagine Liguri

del 16/03/2011

118 “savona soccorso”: servizio ancora più efficiente


clicMedicina - redazione@clicmedicina.it   

Dal prossimo 16 marzo presso la Centrale Operativa-CO del Servizio 118 “Savona Soccorso”, diretto dal dott. Salvatore Esposito, verrà attivato un nuovo sistema per migliorare la gestione delle richieste di soccorso.
Il Medical Priority Dispatch System (MPDS), questo è il nome del nuovo sistema, è già utilizzato da anni, con successo, nelle Centrali Operative di molti servizi di emergenza sanitaria dei paesi del nord America, Europa, Asia e Australia.
L’implementazione savonese rientra nel quadro dell’aggiornamento tecnologico previsto e voluto dalla Regione Liguria per le Centrali operative dei propri 118.
«E’ importante sottolineare l’importanza del ruolo delle persone che chiamano il 118. Sono loro il primo anello nella catena di soccorso. Durante la chiamata è importante mantenere la calma. Le domande che poniamo non sono inutili né fanno perdere tempo, servono agli operatori per capire meglio la gravità della situazione. Infatti, in alcuni casi, in attesa della ambulanza si può fare qualcosa per aiutare chi sta male. Con l’introduzione del Medical Priority Dispatch System gli operatori del 118 saranno in grado di fornire al telefono con maggiore precisione, tutte le istruzioni utili agli utenti per eseguire le prime manovre di soccorso, anche se non si conoscono» afferma il Dott. Esposito.

Il Servizio 118 Savona soccorso ha gestito nei primi mesi del 2010 (gennaio-ottobre) 160.000 chiamate e predisposto 33.000 interventi di soccorso; di questi circa il 17% erano codici rossi presunti, ma solo il 4% dei casi è stato confermato tale dai sanitari intervenuti sul posto.
Il 26% degli interventi è avvenuta nella fascia oraria mattutina tra le 8 e le 12; il 30% dei casi registrati era per trauma.
Il tempo medio tra la chiamata e l’arrivo dell’ambulanza sul posto è stato di 9 minuti. Gli ospedali di destinazione dei pazienti sono stati: Savona nel 46%, Pietra Ligure nel 27%, Albenga nel 20% e Cairo nel 7% dei casi.
Per quanto riguarda le automediche, gli interventi registrati nei primi mesi del 2010 sono stati 6.500 in totale. Il 27 % dei casi era legato a problemi di natura cardiocircolatoria. Il tempo medio tra la chiamata e l’arrivo dell’automedica sul posto è stato di 12 minuti.
 

 

 






 
 
 
 

  



Queste pagine sfruttano standard di programmazione avanzata , sebbene i contenuti sono visibili con tutti i browser, una grafica più piacevole è ottenibile con un browser attuale. Se leggete questo messaggio, avete salvato la pagina sul Vs. disco, oppure siete in Internet con un browser non attuale. Se lo desiderate potete scaricare gratuitamente un browser standard attuale adatto alla Vs. piattaforma dal sito http://webstandards.org/act/campaign/buc/

Stampa ottimizzata con standard avanzati