Le padella di rame uccide i batteri

615

Secondo una ricerca presso l’Università di Southampton il rame può impedire la diffusione della MRSA, cioè la diffusione delle infezioni da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA). Certamente una conferma a quanto già pubblicato nel 2011 sulla rivista Applied and Environmental Microbiology secondo cui le superfici di rame metallico possono uccidere e letteralmente decimare i microbi. E lo fanno “provocando danni enormi alla membrana dopo l’esposizione di un minuto”, diceva l’autore dello studio, Gregor Grass dell’Università del Nebraska, Lincoln. Questo in realtà era il primo studio a dimostrare un meccanismo di bacteriocide da parte del rame.

Oggi una ricerca dell’Università dell’Arizona, diretta dalla dottoressa Sadhana Ravishankar e pubblicata sulla rivista Food Micirobiology, ha riprodotto il processo di cottura, utilizzando sia pentole di rame che pentole di altro tipo e osservando l’evoluzione della flora batterica. In questo caso particolare attenzione è stata data alla Salmonella, capace di provocare casi di avvelenamento, diarree ed anche la morte.

Dall’analisi dei dati microbiologici sulle padelle a fine cottura è emersa la superiorità delle pentole in rame: su di loro, la concentrazione dei batteri passava da 10 milioni ad appena 100 cellule, mentre sule altre, comprese quelle inox, riusciva a stabilizzarsi più in alto, sul milione di cellule. Il segreto del potere antibatterico del rame sta nell’ossidazione: tale processo avviene quando il metallo viene a contatto con l’ossigeno, passando dal colore rossiccio al verde acqua. Inoltre, l’ossidazione produce un residuo tossico, particolarmente pericoloso per la salmonella. Criticamente, gli autori del primo studio avevano fornito una forte evidenza che la genotossicità attraverso le mutazioni e le lesioni del DNA non è una causa di proprietà antimicrobiche del rame a secco. Questo è importante, perché le mutazioni possono causare il cancro negli animali e nell’uomo, e la mancanza di tali mutazioni nei batteri da rame significa che il rame non metta in pericolo gli esseri umani.