La musica nelle cure in terapia intensiva

582

La musicoterapia entra per la prima volta nel reparto più critico dell’ospedale all’IRCCS MultiMedica di Sesto San Giovanni. Il progetto “Note di vita” prevede infatti che le cure basate sulla musica arrivino direttamente in Terapia Intensiva. La dott.ssa Carmen Sommese, Direttore Sanitario aziendale del Gruppo MultiMedica, ha aderito con entusiasmo e partecipazione all’iniziativa promossa dal dott. Davide Salaris, Anestesista del reparto di Terapia Intensiva dell’IRCCS MultiMedica di Sesto San Giovanni, dando seguito a un’attività progettuale che coinvolge non solo il paziente, ma anche i familiari e tutto il personale del reparto: “Dal mese di maggio 2017 all’interno del nostro reparto di Terapia Intensiva è stato installato un impianto acustico che raggiunge i pazienti e tutti coloro i quali vi lavorano. La musica è scelta dai medici, dagli infermieri e dagli stessi pazienti. Se il paziente è sveglio, capita anche che indichi un brano che ama; diversamente, il personale sanitario interpella direttamente i parenti.”

La musica in Terapia Intensiva si rivelerà un efficace trattamento complementare per le persone che si trovano nelle condizioni di salute più critiche e che, in alcuni casi, hanno difficoltà a comunicare attraverso il “tradizionale” codice verbale. Grazie alla musicoterapia si possono infatti attivare le funzioni residue potenziali dell’individuo, che gli consentono di comunicare attraverso un codice alternativo, contribuendo a determinare miglioramenti nella sfera affettiva, motivazionale e comunicativa. Ma quali sono i reali benefici dell’impiego della musicoterapia in Terapia Intensiva? “I benefici clinico-assistenziali corrispondono a quelli di recenti studi relativi a pazienti cardiopatici in cura presso la Terapia Intensiva”, spiega Sommese. “Ascoltare la musica di Mozart e Strauss può determinare l’abbassamento della pressione arteriosa e diminuire la frequenza cardiaca; è favorito il rilascio di endorfine, con miglioramento dell’attività cardiaca e sensazione generale di benessere; la voce dell’artista o della band preferita riducono l’ansia e anche l’uso di sedativi per chi è in condizioni di stress respiratorio e sottoposto a ventilazione meccanica; il linguaggio sonoro diventa strumento privilegiato per superare il senso di isolamento che il paziente critico sovente avverte, senza controindicazioni di sorta e a costi ridotti.”

Le potenzialità terapeutiche della musica sono molteplici. “Dal punto di vista terapeutico la musica diviene attiva stimolazione per tutti i sensi dell’individuo all’interno della sfera relazionale ed è impiegata in diversi ambiti clinico-assistenziali, come prevenzione, riabilitazione e sostegno. Per molteplici patologie, quali Alzheimer, demenze, autismo, depressione, la musica può essere utilizzata come complemento efficace a certi trattamenti clinici. È stata recentemente dimostrata, ad esempio, la riduzione del rischio di malattie cardiache in pazienti anziani affetti da demenza grazie all’utilizzo della musicoterapia. Ciascuno di noi – conclude Sommese – può percepire quanto la musica penetri nella nostra mente, nel nostro esistere, attraverso i vari eventi emozionali della vita, stratificandosi negli anni come bene prezioso che scandisce il nostro tempo.”