HIV e malattie sessualmente trasmesse. Maschi più informati delle donne

240

Sono soprattutto maschi, eterosessuali, con più di 30 anni e residenti al Nord. È questo il profilo di chi si è rivolto al Telefono Verde AIDS e Infezioni Sessualmente Trasmesse (TV AIDS e IST 800 861 061) dell’ISS nel 2017. Il dato rilevante riguarda il calo di telefonate da parte delle donne: nel 1987, anno di istituzione del servizio, erano oltre il 35% mentre lo scorso anno sono state circa il 13%.

Nel 2017, il TV AIDS e IST ha ricevuto un totale di 12.694 telefonate, delle quali 11.035 (86,9%) provenienti da persone di sesso maschile; 1.657 (13,1%) da persone di sesso femminile e 2 da persone transessuali. La distribuzione per classi di età evidenzia come siano soprattutto le persone fra i 20 e i 39 anni (67,1%) a rivolgersi al servizio, in particolare, il 28,8% fra i 20 e i 29 anni ed il 38,3% tra i 30 e i 39 anni; l’età mediana degli utenti è di 34 anni. Per quanto riguarda la distribuzione geografica, dal Nord Italia sono giunte 5.476 telefonate (43,1%); 3.729 (29,4%) dal Centro; dal Sud 2.650 (20,9%); dalle Isole 800 (6,3%).

Sabato 1 dicembre 2018, in occasione della giornata contro l’AIDS, il Servizio Nazionale di HIV/AIDS/IST Counselling “Telefono Verde AIDS e IST”, sarà attivo dalle ore 10:00 alle ore 18:00; contemporaneamente, attraverso il contatto Skype “uniticontrolaids”, sarà raggiungibile anche per coloro che vivono fuori dai confini italiani.

Oltre i due terzi delle telefonate giunte al TV AIDS e IST nel corso del 2017 sono da attribuirsi a persone che hanno dichiarato di aver avuto rapporti eterosessuali (66,9%). Fra questi sono inclusi anche i clienti di prostitute e di transessuali (24,3%), target non facile da individuare e da raggiungere che sembrerebbe preferire l’interazione telefonica con gli esperti del TV AIDS e IST per ricevere informazioni in merito ai comportamenti a rischio. Per quanto riguarda gli altri gruppi di utenti che più spesso si sono rivolti al Servizio, si riscontrano, nel 22,1% dei casi, persone che pur non avendo messo in atto comportamenti a rischio temono di essersi esposti al contagio da HIV o da altri agenti eziologici.

Sempre nel corso del 2017, la percentuale di “Nuove Telefonate” è pari al 57,6%. Si tratta di 7.307 persone che hanno scelto di rivolgersi per la prima volta al TV AIDS e IST, spesso a seguito dell’utilizzo di social network, forum e motori di ricerca. Al contrario, fra gli utenti che hanno già contattato il Servizio in precedenza, vi è un notevole numero di persone con problematiche psicologiche che telefonano ripetutamente.

Dai dati del TV AIDS e IST si può ricavare un’ulteriore significativa informazione circa la proporzione di telefonate nelle quali gli utenti dichiarano di aver effettuato, almeno una volta nella vita, il test per la ricerca degli anticorpi anti-HIV. Nel 2017 tale quota è pari al 38,1% e scende al 19,1% in riferimento agli utenti che si sono rivolti al Servizio per la prima volta.