Emicrania. Arriva fremanezumab, il farmaco che previene gli attacchi

778

Fremanezumab, un anticorpo monoclonale, è in grado di prevenire gli attacchi di emicrania. Già approvato negli Stati Uniti, il farmaco è stato approvato anche dall’Agenzia Europea del Farmaco (Emea). Il suo meccanismo di azione è abbastanza semplice: il farmaco blocca un gene responsabile della vasodilatazione alla base della trasmissione del dolore, prevenendo così gli attacchi. Il parere positivo dell’Emea rappresenta una raccomandazione a concedere l’autorizzazione all’immissione in commercio nei singoli Paesi dell’Unione Europea. L’Emicrania Cronica indica una condizione che si manifesta per almeno 15 giorni al mese, per oltre 3 mesi, con sintomi che comprendono forti mal di testa, nausea, vomito, disturbi visivi, sensibilità alla luce e ai suoni, con evidenti ripercussioni sulla qualità della vita e sulle relazioni familiari e sociali.