Disturbi del sonno nelle donne con menopausa precoce

461

Le donne giovani che si sottopongono a chirurgia delle ovaie per differenti patologie, anche benigne, soffrono di disturbi del sonno più importanti e più gravi rispetto alle donne che raggiungono la menopausa in modo graduale. È quanto emergerebbe da uno studio condotto su 429 pazienti; secondo la coordinatrice, prof.ssa Sooyeon Suh, della Sungsgshin Women’s University di Seoul, è probabile che un calo improvviso nella produzione di ormoni con la rimozione chirurgica delle ovaie porti a sintomi più pronunciati rispetto alla menopausa naturale, dove, al contrario, le ovaie rallentano ma non sospendono completamente la produzione di ormoni.

In questi casi sono consigliabili la riduzione della caffeina, pasti leggeri, esercizio fisico regolare. La maggior parte delle donne sottoposte a questi interventi è in realtà portatrice di condizioni benigne e secondo gli esperti non c’è motivo per cui queste pazienti non ricevano la terapia ormonale; al contrario, questa non è sicura per le donne in cui le ovaie vengono rimosse per cause oncologiche. L’articolo è stato pubblicato sulla rivista scientifica Menopause online 2018.