Difficoltà di cura per l’incontinenza urinaria grave dopo intervento alla prostata per tumore

578

“Sembra proprio una assurdità eppure, dopo intervento alla prostata per tumore, l’incontinenza urinaria non può essere curata. E questo non perché manchino i presidi tecnologici o non ci siano specialisti preparati per questo tipo di chirurgia. Il problema è solo economico. A oggi infatti il DRG copre solo un 1/4 del costo dell’intervento complessivo e di conseguenza ASL e Regioni rifiutano, in molti reparti di Urologia, l’acquisto dello sfintere artificiale, il cui costo è 12mila euro”. È quanto dichiara il prof. Aldo Franco De Rose, Urologo e Andrologo, presidente dell’Associazione Andrologi Italiani al congresso Summer School 2019 Motore Sanità, svoltosi nei giorni scorsi ad Asiago alla presenza di amministratori locali e politici.

A oggi l’utilizzo dello sfintere artificiale assicura una soluzione del problema incontinenza in circa l’80% dei pazienti ma, secondo i dati della aziende produttrici, solo il 25-30% (212 impianti nel 2017; 205 nel 2019), vede soddisfatta la richiesta di impianto e solo da parte delle Regioni più virtuose, come Emilia Romagna, Veneto, Piemonte e poche altre. “Ma quale centralità del paziente – si chiede De Rose – quale terapia personalizzata? Questi sono pazienti oncologici a cui è stato creato un danno, l’incontinenza, e che vengono abbandonati non dai medici ma dalle strutture sanitarie, dai nostri amministratori sanitari che non riescono a garantire l’acquisto dello sfintere.” Addirittura, in alcune Regioni, tra le quali anche la Liguria, si è passati da 6 impianti del 2017 a 0 impianti nel 2018. E il problema è sempre lo stesso: chi deve pagare lo sfintere? La Asl o la Regione? Nell’attesa che si risolva questo dilemma, i pazienti continuano a soffrire.

INCIDENZA DEL TUMORE DELLA PROSTATA

In Italia, ogni anno, sono 35mila le diagnosi di tumore alla prostata e, di questi, solo 16mila pazienti vengono sottoposti a prostatectomia radicale, ossia un intervento che prevede l’asportazione della ghiandola prostatica. Attualmente questo tipo di intervento, quasi in tutti i centri di Urologia della penisola, viene eseguito con tecnica Robotica, Laparoscopica, e raramente a cielo aperto. Comunque sia, questo tipo di trattamento potrebbe portare, se pur raramente, a due problemi che abbattono la qualità della vita del paziente: l’incontinenza urinaria e l’impotenza sessuale grave, cioè quei tipi di deficit che non possono essere trattati farmacologicamente e per i quali bisogna ricorrere all’intervento chirurgico.