Calciatrici più esposte dei calciatori a danni cerebrali

137

Secondo alcuni ricercatori dell’Albert Einstein College of Medicine di New York, le donne che giocano a calcio avrebbero una maggior probabilità rispetto agli uomini di subire danni cerebrali. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno esaminato le immagini ottenute dalla scansione del cervello di 49 giocatori amatoriali di sesso maschile e 49 di sesso femminile che hanno riportato di aver ricevuto un numero simile di testate, con metà degli uomini che avevano preso almeno 487 testate e metà delle donne ne avevano prese almeno 469. Le scansioni cerebrali sono state eseguite con una tecnica di risonanza magnetica in grado di rilevare danni minimi. Dalle analisi è emerso che il volume di sostanza bianca danneggiata nelle donne era cinque volte maggiore rispetto agli uomini. Le donne, inoltre, avrebbero avuto otto regioni del cervello nelle quali un maggior numero di testate si associava a danni strutturali, rispetto alle sole tre regioni negli uomini. Lo studio, coordinato dal prof. Michael Lipton, è stato pubblicato sulla rivista Radiology.