Dall’infertilità alla gravidanza: le coppie alla ricerca di un figlio

1391

Il 20% ha problemi ad arrivare ad una maternità.  Parlare di infertilità è il primo passo per arrivare a coronare il sogno di una coppia che è alla ricerca di un figlio. Sabato 22 ottobre il centro di medicina della riproduzione ProCrea di Lugano rinnova l’appuntamento con le coppie che hanno problemi di infertilità: con il “porte aperte”, gli specialisti della clinica si mettono a disposizione delle coppie per parlare dei problemi riproduttivi, illustrare tecniche e metodi a guardare con fiducia ad una gravidanza.
«L’infertilità è considerata una patologia che, in forme più o meno gravi, colpisce circa il 20% delle coppie in età fertile», spiega Alessandro Verza specialista in Ginecologia e Medicina della riproduzione del centro ProCrea. Le cause possono essere diverse e di differente gravità, possono essere riconducibili a fattori maschili, femminili e di coppia. «Il vero problema è che molti non si pongono il problema se non quando si trovano a fare i conti con una gravidanza che non arriva», sottolinea lo specialista di ProCrea.
«Oltre a mancare una cultura di prevenzione, spesso manca la conoscenza degli elementi che incidono negativamente sulla fertilità come l’età, gli errato stile di vita e le infezioni. Manca anche la conoscenza delle risposte che la scienza può dare. Una diagnosi clinica precisa permette di intraprendere il percorso più corretto per arrivare ad una gravidanza», conclude Verza.
Sabato 22 ottobre gli esperti della struttura di Lugano si mettono a disposizione per spiegare cause, tecniche e possibili soluzioni nell’intento di fare chiarezza sul tema dell’infertilità. Inoltre, viene data la possibilità di visitare la clinica. La struttura di via Maraini 8 si sviluppa su cinque piani e raccoglie sei studi medici, laboratori di embriologia e andrologia, due sale operatorie con i locali per la sterilizzazione e sette camere post intervento, oltre al laboratorio di genetica ProCreaLab. L’incontro è gratuito e aperto a tutti.