Celiachia, al via la sperimentazione del primo vaccino

984

Si chiama Nexvax2 il primo vaccino contro la celiachia. I ricercatori del Royal Melbourne Hospital (Australia) stanno per avviarne la fase 2 di sperimentazione, per la quale è previsto l’arruolamento di 150 pazienti in Usa, Australia e Nuova Zelanda. “Questa sperimentazione è importante per stabilire una prova clinica di efficacia di un trattamento contro la celiachia, oltre al regime della dieta priva di glutine”, dichiara il prof Jason Tye-Din, coordinatore dello studio. “Ad oggi, proprio la dieta senza glutine rappresenta l’unico trattamento per i pazienti celiaci, ma si tratta di un regime complesso ed oneroso da mantenere.”

L’obiettivo del vaccino, spiegano i ricercatori, è proteggere le persone con celiachia dagli effetti negativi dell’esposizione al glutine. Il vaccino mira infatti a riprogrammare le cellule immunitarie linfociti T che innescano la risposta infiammatoria al glutine, sopprimendo in questo modo l’infiammazione che è alla base della patologia celiaca. “Questo studio – conclude Tye-Din – verificherà quindi se il vaccino Nexvax2 sarà in grado di ‘prendere di mira’ la risposta immunitaria al glutine nelle persone con celiachia, modificando i sintomi associati alla malattia.”