Biobanca nazionale della SLA

557

La biobanca è un archivio di campioni biologici di persone con SLA che sono indispensabili per portare avanti la ricerca scientifica su questa malattia che oggi è senza cura. Sarà volta quindi alla raccolta, al processamento e alla crioconservazione di materiale biologico al fine di promuovere lo studio sulle cause, la sperimentazione di nuovi possibili farmaci e la definizione di strumentazioni di diagnosi e prevenzione. La realizzazione in Italia di una biobanca sulla SLA da mettere a disposizione di tutti i ricercatori è quindi un passaggio essenziale per accelerare e favorire la ricerca scientifica. “Costruiamo insieme la prima Biobanca Nazionale SLA” è l’obiettivo della partnership tra Aisla Onlus, Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, e il Gruppo Selex, leader della distribuzione moderna italiana che quest’anno compie 55 anni.

Tra il 6 e il 12 maggio sarà possibile sostenere la ricerca scientifica sulla SLA presso oltre 700 supermercati e ipermercati del Gruppo Selex (insegne nazionali Famila, A&O e insegne regionali) che doneranno l’1% del venduto dei propri prodotti a marchio ad Aisla per la realizzazione della prima Biobanca Nazionale dedicata alla SLA. “Il sostegno del Gruppo Selex è importante per dare un nuovo e forte impulso alla ricerca scientifica attraverso la creazione della Biobanca Nazionale SLA, che sarà aperta a tutti i ricercatori”, afferma Massimo Mauro, Presidente di Aisla. “Negli ultimi anni abbiamo sostenuto la ricerca con circa 6milioni raccolti grazie alle donazioni dei nostri sostenitori e l’alleanza con Selex consentirà di far un ulteriore passo in avanti per dare una risposta alle oltre 6mila persone colpite da SLA in Italia.”

“Sensibilizzare i Clienti su temi importanti come la battaglia contro una malattia neurodegenerativa che colpisce circa 6mila persone in Italia, le cui cause sono ancora sconosciute, è un dovere per una realtà come la nostra che ha la capacità di raggiungere un target ampio di popolazione”, dichiara Alessandro Revello, Presidente del Gruppo Selex. “Abbiamo un network significativo e prezioso, costituito da centinaia di punti vendita su tutto il territorio e quando abbiamo conosciuto la finalità del progetto di Aisla non abbiamo avuto alcun dubbio sull’opportunità di metterlo al servizio della Ricerca.”