Bevande con zuccheri naturali e rischio cardiovascolare

707

Anche i succhi di frutta senza zuccheri aggiunti possono risultare dannosi per la salute e possono addirittura aumentare i rischi di disturbi cardiovascolari e di morte. “Rischi aumentati per maggiori danni al cuore e maggiori pericoli di morte”: questo l’allarme per chi consuma bevande a base di succhi di frutta anche senza zuccheri aggiunti, e dunque per quelle bevande con zuccheri naturali. Secondo i ricercatori americani, per la prima volta l’analisi dei dati evidenzia l’impatto negativo sulla salute del cuore e direttamente sulla mortalità, con un incremento del rischio di morte prematura del 9-42%, a seconda delle quantità consumate e di altri rischi personali.

La ricerca è stata realizzata dal prof. Jean A. Welsh, del Dipartimento di Pediatria della Emory University, Atlanta. Welsh ha elaborato i dati provenienti da un precedente studio multi-etnico su 13.440 adulti dai 45 anni: di questi, il 60% erano uomini, ed il 71% erano sovrappeso o obesi. Le persone che assumevano almeno 10% delle proprie calorie giornaliere da bevande zuccherate hanno evidenziato circa il 44% in più dei rischi di morte cardiovascolare prematura e il 14% in più di rischi di morte prematura per qualsiasi causa, rispetto a chi assumeva meno del 5% delle calorie da bibite zuccherate.

Lo zucchero presente nei succhi o nelle spremute – osservano i ricercatori – è lo stesso di quello che si trova in bevande trattate e ha gli stessi effetti su obesità, diabete, trigliceridi, e quindi sui vari fattori di pericolo per il cuore. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Jama Network Open.

AGGIORNAMENTO: la posizione di Unione Italiana Food