Autismo e ruolo dei genitori

372

I genitori dei bambini con autismo vivono un forte senso di sofferenza e di disagio personale: mamma e papà devono fare fronte a difficoltà pratiche, come la gestione della terapia, degli interventi riabilitativi e delle visite specialistiche, e difficoltà di carattere emotivo. D’altro canto, per i bambini con disturbo dello spettro autistico, la letteratura conferma che i trattamenti sono più efficaci quando coinvolgono i genitori e, in particolare, quando il trattamento è condotto dagli operatori dello staff e contemporaneamente i genitori sono formati in maniera continuativa. È importante quindi sostenere i genitori e aiutarli a usare delle strategie di comportamento utili e coerenti con quelle dei terapisti che seguono il bambino: migliorare il loro benessere psicologico e la competenza educativa consente una diminuzione delle problematiche comportamentali ed emotive dei figli.

Per questo motivo, nel settembre 2018, è stato avviato il progetto di sostegno alla genitorialità Parent Training-Autismo presso sei Centri della Nostra Famiglia in Regione Lombardia (a Lecco, Bosisio Parini, Ponte Lambro, Como, Castiglione e Sesto San Giovanni). Il percorso, rivolto alle famiglie coinvolte nel modello sperimentale riabilitativo NOAH (New Organization for Autism Healthcare), ha visto 18 incontri formativi presso ciascun Centro: in ogni sede la proposta è stata offerta a 24 famiglie e a ogni famiglia è stato offerto un pacchetto di 6 incontri. Gli incontri, condotti da psicologhe e supervisori esperti, hanno coinvolto da settembre ad oggi 110 famiglie, per un totale di circa 200 persone tra mamme e papà. Fondamentale per il progetto è stato il sostegno di Fondazione Deutsche Bank Italia: “Fondazione Deutsche Bank Italia ci ha aiutato ad estendere il progetto in tutti i nostri centri NOAH”, commenta Francesca Pedretti, Direttrice Regionale La Nostra Famiglia. “È un grande passo avanti: abbiamo infatti verificato che i genitori che sono direttamente coinvolti nell’apprendimento di strategie educative efficaci, risultano più speranzosi nei confronti del futuro, maggiormente in grado di gestire i comportamenti problema, in possesso di maggiori capacità di fare fronte alle situazioni di vita quotidiana.”