Argus II: la protesi retinica per la retinite pigmentosa

1780

Cattura le immagini con una videocamera miniaturizzata montata su occhiali, converte le immagini in impulsi elettrici e poi trasmette questi impulsi in modalità wireless a elettrodi impiantati sulla superficie retinica, bypassando le cellule retiniche morte e stimolando le cellule vitali nei pazienti con retinite pigmentosa (RP) da acuta a molto grave. Sono questi i risultati positivi dello studio di cinque anni riguardante il Sistema di Protesi Retinica Argus ®II. L’articolo scientifico intitolato “Five Years Safety and Performance Results from the Argus II Retinal Prosthesis System Clinical Trial” segue la valutazione di 30 soggetti nel trial clinico (NCT00407602) impiantati con Argus II in 10 centri negli Stati Uniti e in Europa. Tutti i pazienti erano non vedenti (cioè privi di percezione della luce o peggio) a causa della retinite pigmentosa (RP) o simile malattia. Durante i cinque anni del trial clinico, i risultati hanno mostrato che la funzione visiva è migliorata dopo l’impianto con Argus II e questi miglioramenti si sono mantenuti per cinque anni. I pazienti hanno riportato un impatto positivo sul loro benessere e sul rinnovato rapporto con i loro cari e il mondo intorno a loro. I risultati hanno anche dimostrato che Argus II aveva un accettabile profilo di sicurezza. “Per i pazienti con RP che vivono nel buio, i benefici a lungo termine di Argus II nel restituire una funzione visiva parziale rappresentano un punto di arrivo molto significativo”, ha detto Lyndon da Cruz, MD PhD, consulente e chirurgo retinico al Moorfields Eye Hospital NHS Foundation Trust nonché autore principale dello studio. “Forse veramente eccitante è la provata abilità di Argus II di migliorare la funzione visiva dei pazienti. Con Argus II i pazienti riescono a svolgere compiti che sarebbero impossibili senza il dispositivo. Questo può rappresentare un cambiamento di vita. È positivo aver potuto dimostrare oggi che questi cambiamenti durano anni dopo l’impianto.”
“Siamo entusiasti di vedere che il miglioramento visivo sostanziale raggiunto da Argus II dura più di cinque anni – notizia positiva sia per i pazienti non vedenti a causa di RP sia per la nostra azienda che si adopera con continui sforzi per ridare la vista a pazienti colpiti da questa tremenda malattia”, ha detto Will McGuire, Presidente e CEO di Second Sight. “Lo studio ha dimostrato che i nostri impianti hanno una sicurezza a lungo termine e offrono benefici clinici ai pazienti; questi risultati continueranno a dirigere il nostro futuro approccio, sia nel processo di sviluppo che nella ricerca di nuove autorizzazioni di rimborso per Argus II.”