L’amore inizia dal cibo

518

“La scintilla da primo appuntamento dà una specie di misteriosa vertigine che potrebbe finire in ogni modo ma che inizia, invariabilmente e salvo rari casi, sempre davanti ad un tavolo con il cibo. Perché se – come poeti e cantautori ci spiegano – l’amore è l’origine di tutto, è dal cibo che l’amore inizia.” È quanto sostiene una ricerca della Nestlé che ha voluto esplorare il rapporto fra Cibo , Amore e alcune variabili comuni come la seduzione, l’identità, la socializzazione, il benessere e l’attitudine alla felicità. Perché Cibo e Amore possono far bene o far male: tutto dipende dal rapporto che abbiamo con questi. L’analisi, se pure con uno sguardo divertente e leggero, evidenzia importanti cambiamenti di costume in atto.

Esplorando i rituali da “primo appuntamento” che sfruttano il potere del cibo per colpire chi ci sta di fronte, la ricerca ha messo in luce il nostro rapporto con il cibo, come questo ci rappresenta, il nostro senso di socializzazione e anche come si siano evoluti educazione, buone maniere e comportamenti. Analizzando la prima mossa in assoluto che potenzialmente dà l’avvio al rapporto a due, e cioè la scelta del luogo dove incontrarsi, scopriamo che la maggior parte degli italiani, il 43%, non intende “bluffare” scegliendo un ristorante costoso e stellato ma vuole al contrario mettersi a nudo e rivelare la propria natura decidendo per un locale caratteristico e amato particolarmente, e che quindi dà immediatamente una prima percezione del proprio stile. Come seconda scelta, il 21% degli uomini sceglie il ristorante elegante per impressionare con classe, ma la vera sorpresa è che invece il 22% delle donne preferisce la pizzeria! Una dichiarazione d’intenti verso la semplicità e un chiaro messaggio contro formalismi ed etichette.

La scelta del locale è però solo il primo scoglio. Quando l’appuntamento è finalmente organizzato, abbiamo anche scelto con cura l’abito e il locale è prenotato, dobbiamo affrontare la seconda mossa, che dà l’avvio a una serie di codici e di dinamiche: la scelta dei piatti. La ricetta della seduzione infatti passa anche attraverso i piatti che si ordinano, e qui l’attenzione si acuisce perché ogni scelta diventa un messaggio, per quanto indiretto. Pare proprio che per conquistarci, il nostro commensale, uomo o donna che sia, dovrebbe ordinare un piatto semplice e popolare, come dichiara il 50% degli intervistati. Mentre è sorprendente, e meriterebbe uno studio a parte, che il 36% delle donne si incanti se l’altro/a ordina la pizza! E la dice ugualmente lunga il fatto che il 32% degli uomini si senta rassicurato (e conquistato) quando il/la partner ordina lo stesso piatto scelto per sé, con buona pace di Freud che vedeva nell’amore un riflesso narcisistico.

Cosa ci infastidirebbe assolutamente dell’altro? Che ordini un piatto molto costoso (28,3%), fastidioso come se ordinasse un piatto molto light (25,7%). D’altra parte, non piace neppure sentir ordinare un piatto molto calorico (21%), perché l’attenzione al proprio benessere sembra essere ormai un elemento chiave per interessare l’altro.

Sempre circa le scelte, i 3 cibi proibiti al primo appuntamento risultano essere, senza ombra di dubbio e per ovvi motivi, aglio e cipolla (76%), fagioli e animelle (58%), seguiti da zuppa o brodo (35%). Quanto i costumi siano cambiati lo rivela il fatto che la “scarpetta”, anche al primo appuntamento, non sia più vista come un errore a tavola, così come chiedere all’altro un assaggio del proprio piatto, suggerire di condividere il dessert o ancora imboccare l’altro con la propria forchetta.

Proseguendo ad analizzare il nuovo bon ton del primo appuntamento, ci sono comportamenti che possono precluderne un secondo; nell’ordine: masticare un chewing gum, assentarsi per uscire a fumare, guardare il cellulare, mostrare il conto.

Se alla fine tutto si è svolto bene, l’esame è passato e l’emozione volata stelle, si passa allora dal primo appuntamento al ristorante alla prima cena a casa. Anche se la confidenza e l’ironia in questi casi possono venirci in aiuto, quello che uomini e donne si aspettano che il partner cucini è, nell’ordine: un piatto semplice e popolare (62%), seguito per gli uomini da un piatto gourmet e ricercato (26%), mentre le donne (anche in questo caso) sono più affascinate da un uomo che prepara la pizza in casa (38%).