Acne, più problemi del tumore

612

Secondo alcuni ricercatori del Global Burden of Disease Study, l’acne può avere effetti più ampi e prolungati dei tumori cutanei. Nel presente studio, le patologie cutanee sono state ritenute responsabili del 5% circa del totale dei tempi di disabilità. Questa percentuale è rimasta costante sin dal 1990, rendendo le patologie cutanee l’undicesimo problema di salute più dannoso fra le categorie impiegate nello studio. La valutazione variava in base alla fascia d’età dei pazienti considerati. L’acne risulta maggiormente dannosa nei soggetti fra 10 e 24 anni e diviene meno importante nelle fasi successive della vita; al contrario, le patologie cutanee virali e i tumori divengono maggiormente problematici con l’età. “Il nuovo sistema influenza la pratica clinica conferendo una maggiore priorità alle patologie cutanee infiammatorie”, dichiara l’autore della ricerca, prof. Robert Dellavalle, dell’Università del Colorado. “Questa analisi si adatta alla tendenza secondo la quale i ricercatori tentano di determinare quali elementi dell’assistenza sanitaria siano più importanti per i pazienti.”